Benessere Agape Articoli

Benessere Agape Articoli
Benessere Agape Articoli

Benessere Agape Articoli (15)

Mercoledì, 15 Novembre 2017 10:50

Riflessioni sull'amore

Scritto da

Quando si parla di Amore è necessario ampliare lo sguardo interiore, poi la coscienza per dare così respiro al cuore. Già, se si vuole parlare di Amore è necessario sentire e seguire il cammino del cuore. Stiamo seguendo questo cammino? 

Sabato, 29 Ottobre 2016 13:13

La richiesta dell'anima

Scritto da

Mi accade sempre più spesso di confrontarmi con persone la cui anima è frammentata, per cui il mio aiuto, basato su un approccio radiestesico e sciamanico ai quali ho integrato le conoscenze acquisite nella formazione in costellazioni familiari, consiste proprio nel recuperare questi frammenti sparsi e in seguito aiutare la persona a risanarli e ricomporli nella loro unità.

Giovedì, 09 Giugno 2016 16:59

La malattia, gli sciamani e la guarigione

Scritto da

Di questo articolo si desidera porre l’attenzione sulla “perdita dell’anima”, causa di molti disagi e malattie. La definizione sciamanica è più propriamente “frammentazione dell’anima” ed è un meccanismo di difesa chiamato in psicologia “dissociazione” oppure “frammentazione del sé”. Si tratta di un processo psichico e psicologico che, in varie fasi, mette in atto automaticamente un meccanismo di scissione per allontanare dall’Io cosciente immagini o stimoli penosi. Nella visione sciamanica un frammento di energia animica va a vivere in un mondo mentale, staccato dal corpo fisico, per non sentire le emozioni e il dolore, così difficili da contenere, causati da un evento traumatico. Troppo spesso disagi, emozioni, sintomi e dolore vengono non ascoltati, bloccati, congelati, invece proprio questi parlano all’anima e dell’anima, sono i modi e le vie della psiche per ritrovarla l’anima e risvegliare così l’Io cosciente.
Buona lettura a tutti voi.

Questa è la testimonianza diretta, al termine di una seduta, di Mariastella Postorino, operatrice di Benessere Agape specializzata nel Pilates. Una riflessione profonda e attenta sul nostro lavoro e sull'importanza delle tecniche. 

Si è concluso nella giornata di domenica il corso di Craniosacrale Biorelato di secondo livello. Sviluppatosi su tre giorni, con ventisette ore di lavoro, il corso ha permesso ai dieci partecipanti, di completare il percorso dello studio delle tecniche del CSB per diventare operatori di craniosacrale.

Abbiamo dimenticato che, nella sua dimensione primordiale, il genere umano possedeva una conoscenza istintiva dell’intima sacra unità e interconnessione del mondo; tutto ciò che l’uomo concepì in quelle epoche molto remote era legato ad un sentire profondo, a sentire se stesso e gli altri, a sentire le forze della natura, la terra, il cielo, le acque, gli animali e le piante.

Stavolta, vorrei condividere con voi un'esperienza - ancora in corso - che sto vivendo e valutando, sia come soggetto che da anni si sottopone a trattamenti settimanali per allentare le proprie tensioni, sia da operatore olistico, abituato da oltre quindici anni a trattare il corpo. Recentemente, infatti, la mia amica e fisioterapista Roberta mi chiama telefonicamente e dopo le prime chiacchiere, finiamo inevitabilmente a parlare della nostra salute...

Lunedì, 11 Aprile 2016 13:39

Corso di alimentazione energetica naturale

Scritto da

Il 23 aprile, presso la sede di Passoscuro, si terrà il corso di alimentazione energetica alimentare, tenuto dalla docente Simona Mariani. Aperta a tutti, questa giornata rappresenta un percorso di conoscenza e consapevolezza volto a migliorare lo stato di salute delle persone. Il tutto si svilupperà sulle cinque ore e sarà suddiviso fra una parte teorica e una pratica. 
Per info e prenotazioni consultare la locandina. Partecipate numerosi!

Mercoledì, 06 Aprile 2016 14:54

Una nuova mappa per il sistema linfatico

Scritto da

Il seguente articolo, che ho ritenuto molto interessante, è stato tradotto da questa fonte http://www.nature.com/nature/journal/v523/n7560/pdf/nature14432.pdf con la volontà di condividerlo con voi.

 

Una delle caratteristiche del sistema nervoso centrale (SNC) è la mancanza di un classico sistema di drenaggio linfatico. Sebbene si ritenga comunemente che l'SNC venga sottoposto ad una sorveglianza immunitaria continua che si svolge nei compartimenti meningei, i meccanismi che regolano l'ingresso e l'uscita delle cellule immunitarie restano poco chiari. Ricercando i punti di accesso e di uscita delle cellule T dalle meningi, abbiamo identificato dei vasi linfatici attivi situati lungo i seni della dura madre. Queste strutture, che hanno tutte le caratteristiche molecolari delle cellule endoteliali linfatiche, sono in grado di trasportare sia fluidi che cellule immuni dal liquor cerebrospinale e sono collegate con i linfonodi cervicali profondi. La caratteristica posizione di questi vasi potrebbe averne impedito fino ad oggi l’identificazione, generando così il concetto della mancanza di un sistema vascolare linfatico all’interno dell’SNC. La scoperta del sistema linfatico dell’SNC potrebbe indurre a rivedere tutti i concetti base della neuroimmunologia e gettare nuova luce sulle cause delle malattie neuroinfiammatorie e neurodegenerative associate ad una disfunzione del sistema immunitario.

Lunedì, 18 Gennaio 2016 17:28

II corpo piange le lacrime dell'anima

Scritto da

Puntuale come sempre, il corpo si prende in carico le nostre sofferenze e fatiche interiori.

Improvviso e senza giustificazione, un dolore fastidioso ed un’infiammazione locale colpiscono la mia spalla destra e due giorni più tardi, una bronchite compare senza preavviso, senza avvisaglie.

Domenica, 17 Gennaio 2016 23:29

Costellazioni familiari: traumi generazionali

Scritto da


“I nostri antenati dimorano nell’attico del nostro cervello e nelle concatenazioni a spirale della conoscenza, nascoste in ogni cellula del nostro corpo.”     (Shirley Abbot)

        Negli anni in cui ho svolto la mia professione ho notato che in alcuni casi il lavoro per sciogliere un nodo/conflitto dava dei risultati per un periodo limitato nel tempo, poi si manifestava nuovamente, magari ridotto ma non completamente risolto.